Urge una reazione

Dopo sette risultati utili consecutivi (frutto di quattro vittorie e tre pareggi) è arrivata sabato scorso per il Catanzaro la sconfitta interna ad opera della Reggiana, a questo punto vera bestia nera per l’undici di Vivarini, considerato che la compagine allenata da Nesta, anche nel match di andata disputato poco più di due mesi addietro, si è imposta con l’identico punteggio (1-0).

Una battuta di arresto, la seconda in questo girone di ritorno, che vede complicarsi i sogni di promozione diretta, anche se il Catanzaro rimane sempre in piena zona play-off, pur cedendo il quinto posto in graduatoria al Palermo, vittorioso sul campo del fanalino di coda Lecco. Resta in ogni caso un margine di ben undici punti dalle formazioni prime escluse dalla parte alta della classifica. 

Un passo falso, quello di sabato, allora, non doloroso, anche se resta un boccone amaro da mandare giù. Urge, quindi, una immediata reazione da parte di Iemmello e compagni, impegnati nel prossimo turno di calendario al “Rigamonti” di Brescia, nel primo dei tanti spareggi play-off previsti fino al termine del campionato. Un appuntamento sicuramente ostico, ma che il Catanzaro ha tutti i numeri per superarlo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto