Persa l’imbattibilità casalinga

Di Gianluca Galeotti

Foto: Area Comunicazione Us Catanzaro

Dopo un mese di entusiasmo, il Catanzaro subisce la prima sconfitta di questo campionato, perdendo nel contempo, dopo più di cinquecento giorni, anche l’imbattibilità casalinga. Certamente prima o poi doveva succedere di uscire sconfitti da qualche gara, ma non si poteva mai immaginare di chiudere un match interno con un risultato negativo, tanto pesante, quanto eclatante.
E’pur vero che domenica pomeriggio il Catanzaro aveva di fronte la “corazzata” Parma, ma è altrettanto vero che l’undici di Vivarini ha fornito una prestazione decisamente criticabile sotto ogni punto di vista, quasi sempre intrappolato da un avversario sempre attento, che ha fatto delle ripartenze l’arma vincente dell’incontro. 
Fa rabbia, in ogni caso, avere visto un buon Catanzaro nei primi venti minuti iniziali; un Catanzaro veloce, divertente, che ha avuto anche la ghiotta occasione di portarsi in vantaggio.
Ma, come asserito da mister Vivarini a fine gara: “questa è la serie B”.
Una frase che la dice lunga e dalla quale c’è da meditare. 
Onore, comunque, al Parma, bello e cinico; una vera e propria corazzata, che ha già fatto capire a tutti di volere la serie A. Ma onore soprattutto
al grande popolo “giallorosso” che ha applaudito e cantato a fine gara, invitando la squadra sotto la meravigliosa curva.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto