Da anatroccolo a cigno

Dalla Cremonese alla Cremonese. E’ trascorso tanto tempo da quel lontano 19 agosto 2023, prima di campionato allo “Zini”, con il Catanzaro che si presentava come matricola, ma con tante aspettative.
Da quel giorno ne è passata tanta di acqua sotto i ponti; il Catanzaro, con una crescita esponenziale, è diventata davvero una bellissima realtà del campionato cadetto.
L’ ennesima prova è stata la gara di sabato scorso al “Ceravolo”, proprio contro i lombardi, formazione all’inizio di campionato accreditata al salto di categoria. Un match giocato a viso aperto da entrambe le formazioni, finito, come all’andata, 0-0, solo per l’imprecisione nelle conclusioni.
Un pareggio che ha consentito ai giallorossi di mantenere il quinto posto in graduatoria e nel contempo di tenere a distanza il Palermo, attualmente sesto.
Ora, Archiviata la partita con la Cremonese, le aquile sono attese da un tour de force, che vedranno l’undici di Vivarini impegnato già venerdi’ sera, all’ “Arena Garibaldi”, di Pisa. Un impegno questo che potrebbe rivelarsi più complicato del previsto, come dimostra la classifica attuale che vede i toscani ad un tiro di schioppo dall’ultimo posto (l’ottavo), valido per i play-off occupato dalla Sampdoria di Pirlo.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto