Tra passato, presente e… futuro

Di Gianluca Galeotti

Foto: Area Comunicazione US Catanzaro

Bari-Catanzaro è stata sempre una partita molto sentita dalle due tifoserie, in particolar modo da quella “giallorossa” di una certa età, che ancora oggi ricordano quel lontano giugno 1971 in occasione dello spareggio disputato a Napoli e vinto dal Catanzaro, che per la prima volta volava nell’olimpo del calcio italiano, conquistando la serie A.
Ricordi a parte, ritorniamo alla gara di domenica scorsa disputata al “San Nicola” di fronte ad oltre ventimila spettatori. Una gara, senza dubbio, dalle mille emozioni con ben quattro reti e due espulsioni, conclusasi con un pareggio a forte tinte greche, considerato che tre dei quattro gol portano la firma di calciatori greci.
Un match disputato dalle “aquile” con grande personalità, soprattutto nella prima frazione di gioco, durante la quale Brighenti e compagni hanno messo in evidenza un ottimo possesso palla, abbinato ad una buona organizzazione, in particolare nella zona nevralgica del campo.
In ogni caso il punto conquistato in terra pugliese, al di là della classifica, è servito ad aiutare la crescita di una formazione già collaudata, ma soprattutto la consapevolezza che la serie B non è la serie C. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto