Tra le prime otto a lottare per la promozione ci sarà anche il Catanzaro

Foto: Area Comunicazione Us Catanzaro

L’attuale andamento del campionato di serie B è stato sviscerato con la proverbiale sagacia da Bortolo Mutti intervenendo in collegamento telefonico nel corso della trasmissione RTC Catanzaro Sport. La lunga esperienza sulla panchina di tante squadre meridionali gli ha fatto guadagnare l’etichetta di bergamasco terrone, e Mutti, tecnico altamente preparato e sapiente commentatore televisivo, ha dimostrato di conoscere bene la realtà calcistica meridionale e di avere le idee chiare sulla serie cadetta. Ha precisato che le vere sorprese sono sicuramente il Catanzaro e il Modena. Il primo per la capacità di esprimere un gioco propositivo e spettacolare, senza snaturare la propria identità e confermando quanto di positivo fatto nella passata stagione dominando il girone di serie C, il secondo per essere riuscito ad esprimere una qualità superiore alle aspettative e aver costruito un gruppo solido e tenace. Ha quindi espresso rammarico per la delusione costituita dalla Sampdoria, di cui si conoscevano le difficoltà societarie, senza arrivare a pensare, però, che queste potessero frantumare un collettivo di valore guidato da un tecnico importante. Mutti ha poi elogiato il lavoro di Vivarini e ha segnalato in particolare la sua capacità di lettura delle partite e l’attenzione dedicata ai giovani che hanno rafforzato la rosa giallorossa. L’impegno continuo sull’assimilazione degli schemi e dei movimenti sul campo, la specifica valorizzazione delle qualità individuali e l’inserimento graduale nella formazione base costituiscono il viatico ideale per il miglioramento tattico e per l’esaltazione delle qualità tecniche. Un passaggio è stato dedicato alla sconfitta casalinga con il Modena, e qui l’esperto allenatore ha rilevato la buona prestazione del Catanzaro e la sfortuna sui singoli episodi, ma non ha potuto evitare di sottolineare le ingenuità difensive. Sulla prima rete, quando Manconi è stato accompagnato da due avversari fin dentro l’area senza essere contrastato, e sulla seconda, quando un nugolo di difensori si è trovato sbilanciato e ha lasciato campo libero per la conclusione a rete, anche qui senza neanche tentare il contrasto. Mutti ha evidenziato come il Catanzaro abbia il secondo attacco della serie B, ma subisce troppe reti, e questo deve indurre ad apportare qualche correzione e a compiere i dovuti aggiustamenti. Si è lasciato andare, infine, ad una previsione, che, in fondo, conferma convinzioni, più che desideri o speranze, della tifoseria catanzarese: le prime otto squadre in classifica saranno quelle che si giocheranno la promozione in serie A, e il Catanzaro è tra le prime delle prime. Una realtà da godersi con la serenità dei forti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto