Catanzaro-Reggiana, occasione persa

Catanzaro-Reggiana 0-1 (12′ aut. Fulignati)

Al “Ceravolo” arriva la Reggiana dell’ex campione del Milan e della nazionale Alessandro Nesta. Prima del match il presidente Floriano Noto e il dg Diego Foresti hanno premiato Vincenzo Vivarini per le 100 panchine in giallorosso tra l’ovazione del pubblico con cui il tecnico di Ari ha voluto condividere i premi ricevuti. Avvio sprint del Catanzaro con un grande spunto di D’Andrea che si libera al tiro ma viene sporcato in angolo. Si fa pericolosa la Reggiana con uno spiovente dalla destra che attraversa l’area di rigore ed è il presagio al vantaggio che arriverà al 12′ con il sinistro del solito Girma che fa esplodere i 239 tifosi della Reggiana giunti fino a Catanzaro, anche se il goal verrà segnalato dalla Lega B come autorete di Fulignati. Minuto 17 schema da corner che libera al tiro Iemmello ma l’impatto con la sfera non è dei migliori. Al 18′ gran cross di Vandeputte per la testa di Ambrosino, palla di poco sul fondo. Poco dopo altro coast to coast di D’Andrea ma la sua conclusione viene deviata sfortunatamente fuori da Iemmello. Al 22′ tentativo di rovesciata di Iemmello in area ma la sua conclusione è debole e facile preda di Satalino. Al 28′ lo stadio grida al goal per un’autorete sfiorata. Finale di primo tempo senza emozioni, con Gondo che tiene in apprensione comunque la difesa di casa. Squadre a riposo e subito Biasci che si riscalda pronto ad entrare nella ripresa dal primo minuto per Ambrosino. Avvio di ripresa sempre con il possesso palla in favore del Catanzaro che non riesce però a sfondare ed è spesso impreciso nei passaggi. Al 54′ conclusione di Biasci di poco alta. Poco dopo giocata di D’Andrea e sinistro che finisce di poco lontano dallo specchio della porta di Satalino. Succede ben poco fino a pochi minuti dalla fine quando Vivarini prova la carta Donnarumma al posto di Iemmello che si abbraccia con Nesta vicino la sua panchina. Proprio Donnarumma ci prova con una gran conclusione dalla distanza respinta dal portiere ospite ma è tutto fermo per fallo del subentrato Brignola ai danni di Satalino. Poco dopo ancora il 99 di testa fa saltare il “Ceravolo” ma la sfera è salvata sulla linea prima che entri in rete. Cinque minuti di recupero e Oliveri che ci prova dalla distanza con una grande parata di Satalino. Presunto fallo di mano in area ma il VAR non conferma il tutto. Ancora Oliveri si libera al tiro ma il portiere ospite è insuperabile. Al triplice fischio arriva la sentenza della sconfitta interna per il Catanzaro inaspettata quanto, nel complesso, immeritata. Prossima gara in trasferta contro il Brescia e senza tifosi al seguito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto