Catanzaro – Foggia 1-0 (71′ Curcio)

Di Lorenzo Fazio

Il Catanzaro supera il Foggia nel turno preliminare di Coppa Italia Frecciarossa e si regala l’Udinese alla “Dacia Arena” per i sedicesimi di finale. Al “Razza” di Vibo Valentia i giallorossi di Vivarini hanno la meglio sul Foggia, un cantiere aperto con tanti giovani e con pochi giorni di ritiro nelle gambe. Buon avvio del Catanzaro che tiene in mano il pallino del gioco facendo circolare la sfera da una parte all’altra del campo in cerca del varco giusto. Al 3′ tiro da fuori di Ghion deviato in direzione Curcio, il dieci viene strattonato ma non ci sono gli estremi per fischiare. Al 5′ testa di Scognamillo, da schema su calcio piazzato, ma Dalmasso blocca in presa bassa. Al 16′ conclusione di Brignola dalla distanza che finisce alta. Un minuto dopo gran spunto di Vandeputte che mette in mezzo per Brignola ma il suo colpo di testa finisce in un nulla di fatto. Al 20′ goal di Krastev ma annullato per offside. Da qui le prime due ripartenze pericoloso del Foggia. Una con uno spiovente dalla destra che Fulignati devia alto e il secondo è un tiro di Gentili centrale, dopo una svarione della difesa giallorossa. Al 26′ Papazov entra dalle retrovie come un fulmine sorprendendo Vandeputte e Scognamillo ma il suo tiro, da posizione defilata, è ben bloccato da Fulignati.
Torna a macinare gioco il Catanzaro con un buon fraseggio ma la soluzione giusta per il goal non arriva. Vivarini da molte indicazioni e chiama a sé Curcio e Brignola per dargli qualche dritta. Al 42′ cross di Peralta e colpo di testa di Martini con presa alta di Fulignati. Sul finire di frazione retropassaggio rischioso di Peralta con Dalmasso che perde quasi la sfera con i piedi. L’azione terminerà con una debole conclusione dalla distanza di Scognamillo. Calano le nubi sul “Razza” di vista e la temperatura diventa sempre più fresca, termina così anche il primo tempo sul risultato di zero a zero. Inizio ripresa con botta dalla distanza al 3′ di Krastev che finisce di poco alta. Al 7′ conclusione dal limite dell’area di Schenetti a fil di palo e il Catanzaro rischia. Replicano i giallorossi con un colpo di testa centrale di Brignola bloccato da Dalmasso. Al 10′ ancora Schenetti pericoloso con un tiro di prima intenzione palla fuori di poco. Un minuto dopo il Catanzaro sfiora il goal con Sounas che si gira bene ma colpisce male la sfera. Ancora Catanzaro pericoloso con una punizione alta di Brignola e lo stesso 17 che calcia poco alla sinistra di Dalmasso ma è tutto fermo per offside. Classico temporale estivo che incombe sul “Razza” e che rende sempre più pesante il campo. Al 19′ Vitali realizza di testa per il Foggia ma il fuorigioco e’ netto. Al 22′ Vandeputte mette in mezzo una palla d’oro per Verna ma il suo tiro è centrale. Girandola di cambi per Vivarini che getta nella mischia D’Andrea, Pompetti e Biasci. Al 26′ il vantaggio del Catanzaro con Curcio che di testa supera Dalmasso dagli sviluppi di un corner. Al 32′ sinistro di poco alto di Curcio. Quest’ultimo esce per far posto Bombagi e Ghion per Pontisso. Pericoloso il Foggia in due occasioni sul finire del match ma il triplice fischio sentenzia la vittoria e il passaggio del turno del Catanzaro che si regalano una notte da serie A contro l’Udinese in trasferta, il prossimo 11 agosto alle ore 18.00 con diretta televisiva su Italia 1.

IL TABELLINO AL FISCHIO D’INIZIO:
Catanzaro (4-4-2): Fulignati; Situm, Brighenti, Krastev, Scognamillo, Verna, Ghion, Brignola, Vandeputte, Sounas, Curcio. A disposizione: Sala, Borrelli; Welbeck, D’Andrea, Pontisso, Pompetti, Bombagi, Biasci, Belpanno, Veroli, Katseris, Bamba. Allenatore: Vincenzo Vivarini.
Foggia (4-3-3): Dalmasso; Garattoni, Papazov, Rizzo, Antonacci; Schenetti, Marino, Martini; Vitali, Beretta, Peralta. A disposizione: Cucchietti, De Simone; Agnelli, Tonin, Pazienza, Rossi, Di Noia, Divietro, Di Modugno.Allenatore: Mirko Cudini.
Arbitro: Francesco Cosso di Reggio Calabria
Assistente 1: Federico Longo di Paola
Assistente 2: Federico Votta di Molitierno
Quarto Ufficiale: Alberto Santoro di Messina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto